Istituto di Istruzione Superiore G. Giorgi
Viale Liguria, 19/21 - 20143 Milano (MI)
Tel: 0289400450 | Fax: 0289406707
E-mail: miis082004@istruzione.it | PEC: miis082004@pec.istruzione.it

Ai Docenti
Agli Studenti
Alle Famiglie

Oggetto: didattica a distanza – indicazioni per la messa a punto e l’implementazione

Dopo il DPCM 8 marzo: che cosa succede a scuola

A seguito del DPCM 8 marzo, che ha prorogato sino a tutto il 3 aprile la sospensione dell’attività in aula, e in esito alle numerose videoconferenze di confronto e progettazione tra docenti dell’Istituto, è stato definito il piano di sviluppo della didattica a distanza con la finalità principale di mantenere vivo il dialogo educativo e formativo con gli studenti e con le famiglie.

Il senso della didattica a distanza

In questa fase di particolare criticità, la nostra scuola si propone come punto di riferimento chiave per sviluppare negli studenti sia le competenze richieste dal profilo in uscita, sia – forse ancora più importante nella congiuntura storica in cui ci troviamo – senso di responsabilità e consapevolezza del proprio operare nell’ottica della cittadinanza attiva, solidale, partecipe.

La progettazione della didattica a distanza muove da queste premesse per corrispondere ai molteplici bisogni di una comunità scolastica che si trova costretta a limitare la costruzione quotidiana di uno spazio privilegiato di crescita individuale e collettiva.

La sfida: trasformare la criticità in opportunità

La didattica online non può certamente sostituire le attività in presenza, né può compensare tutto ciò che succede in una normale giornata scolastica: le lezioni partecipate con i prof, le chiacchiere tra compagni, il bar all’intervallo, la campanella che a volte salva dall’interrogazione, gli spostamenti tra aule e laboratori e, perché no, l’ansia della verifica. Sono le cose che si ricordano per sempre, come gli adulti sanno bene. E come forse intuiscono anche gli studenti, ora che sono venute temporaneamente a mancare.

Nonostante questi oggettivi limiti, la didattica a distanza è uno strumento forte che consente di garantire il diritto all’istruzione, di mantenere un contatto diretto tra docenti e gruppo classe, e di attivare metodi e strumenti di apprendimento digitali che in futuro potranno utilmente integrare l’attività in presenza, trasformando così l’attuale momento critico in un laboratorio di creatività didattica ricco di potenziali sviluppi, nell’ottica di una scuola sempre più aperta e inclusiva.

Piano di sviluppo didattica a distanza (integrazione e completamento circolare 193/2020)

Computo giorni e ore di validità dell’anno scolastico

Tutto il periodo di interruzione dell’attività didattica, dovuto alle Ordinanze della Presidenza del Consiglio dei Ministri, non è valutato ai fini della validità dell’anno scolastico. La mancata partecipazione alle lezioni online viene rilevata sul RE ai fini di una trasparente comunicazione scuola-famiglia, ma non concorre al computo delle assenze.

Patto di corresponsabilità

La didattica a distanza, molto più di quella in presenza a scuola, implica un coinvolgimento attivo individuale importante, sul quale i docenti non hanno possibilità di intervenire se non segnalando il mancato coinvolgimento degli allievi nelle attività via via proposte. Si raccomanda quindi agli studenti la più ampia partecipazione, ricordando che al dovere della scuola di attivare le modalità di didattica a distanza corrisponde il dovere di partecipazione per gli studenti.

A tal proposito, per quanto riguarda gli studenti del corso diurno, si richiama il patto di corresponsabilità educativa congiuntamente sottoscritto tra genitori, studenti e scuola, e si invitano i genitori a fare attenta vigilanza, per far sì che l’impegno dei docenti nel proseguire l’attività didattica nella modalità a distanza trovi la più ampia rispondenza nel lavoro degli studenti a casa.

Infine, si ricorda agli studenti che:

  • non possono diffondere in rete le attività realizzate dal docente, con il docente e i compagni;
  • non possono diffondere in rete screenshot o fotografie di queste attività.

Attività

La didattica a distanza, già messa a sistema per tutte le classi, viene ora potenziata con le seguenti modalità:

  1. Riprogettazione disciplinare a cura dei singoli dipartimenti, fermi restando gli obiettivi imprescindibili di ciascuna materia.
  2. Coordinamento dei docenti di sostegno con i docenti curricolari al fine di predisporre materiali didattici e strumenti di apprendimento coerenti con gli obiettivi dei singoli PEI.
  3. Coordinamento tra docenti teorici e docenti tecnico pratici al fine di predisporre materiali didattici e video lezioni.
  4. Predisposizione di un calendario settimanale di lezioni online a cura dei singoli CdC, in coerenza con:
    1. l’orario curricolare dei singoli docenti;
    2. la concreta sostenibilità della lezione a distanza da parte degli studenti;
    3. l’equilibrio complessivo delle discipline.
  5. Puntuale compilazione del RE con:
    1. descrizione compiti assegnati da remoto (tramite Classroom, mail e simili) e relative scadenze.
    2. descrizione contenuti sviluppati in differita (per esempio, videolezioni preregistrate da docenti e condivise tramite link).
    3. registrazione studenti presenti e assenti durante le lezioni online.
    4. annotazioni di tipo valutativo, in forma numerica decimale e/o di commento (vedi sotto).

Valutazione

La circolare ministeriale del 9 marzo affida la valutazione alla competenza e alla libertà di insegnamento del docente, ferma restando la coerenza con gli obiettivi fissati in sede di progettazione disciplinare. All’interno della didattica a distanza possono configurarsi momenti valutativi di vario tipo, nell’ottica di una misurazione complessiva del rendimento, dell’impegno, della partecipazione al dialogo educativo. A titolo di esempio:

  • colloqui e verifiche orali in videoconferenza, alla presenza di due o più studenti;
  • test a tempo;
  • verifiche e prove scritte, incluse simulazioni di prove d’esame, consegnate tramite classe virtuale, mail e simili;
  • rilevazione della presenza e della fattiva partecipazione alle lezioni online;
  • puntualità nel rispetto delle scadenze;
  • cura nello svolgimento e nella consegna degli elaborati.

Ruoli di coordinamento

La quotidianità scolastica a distanza presuppone una forte azione di coordinamento da parte di figure specifiche:

  1. i coordinatori di dipartimento:
    • promuovono la riprogettazione disciplinare;
    • propongono iniziative didattiche in relazione alle singole discipline;
    • favoriscono cooperazione e sinergia tra docenti del dipartimento.
  2. I coordinatori di classe:
    • condividono con i rispettivi cdc il quadro settimanale delle lezioni online e ne informano la Dirigente;
    • riportano alla Dirigente e ai rappresentanti di classe (genitori e studenti) il consuntivo settimanale delle attività svolte dal CdC, attingendo le informazioni dal RE;
    • monitorano gli strumenti e le misure adottati dal CdC per gli studenti con BES, in coerenza con quanto concordato nei singoli PDP.

Tecnologie

L’Istituto mette a disposizione dei docenti strumenti e formazione per il potenziamento della didattica a distanza, ferma restando la libertà di scelta del singolo in coerenza con contenuti e obiettivi disciplinari:

  1. GSuite for Edu: piattaforma integrata di strumenti per l’attivazione di classi virtuali (Classroom) e lezioni online (Meet), e per la condivisione di contenuti (Drive), documenti (Doc), fogli di calcolo (Fogli), Presentazioni e test (Moduli), solo per citare i principali.
  2. Webex Meeting di Cisco: applicazione free per video lezioni (qui il tutorial).

Supporto ai docenti

I docenti che desiderano richiedere le mail istituzionali delle proprie classi possono rivolgersi tramite mail al proprio coordinatore, al prof. Carmelo Gennaro (gennaro@giorgimi.edu.it), al tecnico signor Daniele Spera (spera@giorgimi.edu.it).

Per richieste specifiche sulla didattica digitale, sono a disposizione i collaboratori di presidenza diurno-IDA e i docenti Donato Ciampa, Angelo Coccimiglio, Gabriella Grillo.

Supporto alle famiglie e agli studenti

Famiglie e studenti possono contattare il coordinatore o i singoli docenti tramite mail.

I CdC si stanno attivando per organizzare videoconferenze con i genitori, durante le quali condividere il piano didattica a distanza, offrire chiarimenti, sciogliere dubbi.

In conseguenza dell’eccezionalità della situazione contingente, gli studenti eventualmente sospesi dalla frequenza possono partecipare alle lezioni online e a tutte le attività proposte in remoto dai docenti.

In generale, la didattica a distanza può essere svolte su uno Smartphone connesso alla Rete; tuttavia, in caso di comprovata necessità di sostegno materiale per dotarsi della tecnologia necessaria, famiglie o studenti maggiorenni possono chiedere indicazioni all’Istituto.

Nel ringraziare il corpo docente per la competenza, la rapidità e l’efficienza con cui ha contribuito a trasformare in realtà già operativa la didattica a distanza, la Dirigente raccomanda ad allievi e famiglie di contribuire responsabilmente alla prosecuzione di uno scambio educativo vitale, proficuo e più che mai necessario in questi giorni di preoccupazione e forzato isolamento.

Il Dirigente Scolastico
Prof.ssa Angela Izzuti