Istituto di Istruzione Superiore G. Giorgi
Viale Liguria, 19/21 - 20143 Milano (MI)
Tel: 0289400450 | Fax: 0289406707
E-mail: miis082004@istruzione.it | PEC: miis082004@pec.istruzione.it

In data 26-Aprile-2016 la classe VAELT Corso IDA – IIS Giorgi, ha effettuato una visita didattica alla Centrale di pompaggio del Servizio Idrico Integrato gestito da MM, sita in Milano Via Padova 400. La centrale fa parte del complesso sistema idrico della Città di Milano, costituito da 28 centrali e circa 400 pozzi che prelevano l’acqua di falda e successivamente, dopo la potabilizzazione, la distribuiscono nella rete idrica costituita da circa 2300 km di tubazioni (distanza Milano – Il Cairo), per un totale di 230 milioni di metri cubi di acqua potabile distribuita all’anno. Per ottimizzare e ridurre gli interventi di manutenzione (e i relativi costi di gestione), è stato adottato un sistema elettronico di misura e di controllo per la diagnostica preventiva delle apparecchiature e delle strumentazioni installate. Inoltre, la Centrale è stata dotata di un sistema di telemetria per la gestione in modalità automatica/semiautomatica/manuale sia da locale sia da remoto, già in uso nelle altre centrali dell’Acquedotto, che permette l’acquisizione di tutti i parametri elettrici, idraulici e meccanici necessari alla gestione per l’ottimizzazione del servizio e all’Energy Manager per le opportune valutazioni per un più razionale utilizzo dell’energia elettrica.
In tema di risparmio energetico, si è provveduto all’installazione di nuove elettropompe con motori elettrici ad elevato rendimento ,rispondenti alle raccomandazioni europee in termini di efficienza energetica, dotati di moderni dispositivi a inverter, in grado di modulare le portate erogate in relazione alle effettive richieste di consumo degli utenti.
visita_mm
Monitoraggio della falda sotterranea
Metropolitana Milanese è impegnata a tenere sotto costante controllo la falda mediante analisi di laboratorio e misurazioni di livello. In passato diversi fattori determinarono l’impoverimento della falda, in primo luogo i consumi industriali. Oggi nell’area milanese la domanda d’acqua da parte delle imprese si è enormemente ridotta sia per la chiusura delle aziende più idroesigenti (Falck, Breda e Pirelli nella zona nord di Milano), sia per il ricircolo operato dalle industrie per vincoli normativi e convenienza economica. Anche i consumi civili possono portare ad un depauperamento della falda, soprattutto quando una città cresce a ritmo elevato. Anche in questo caso, a Milano si è assistito ad un’inversione di tendenza con un calo dei consumi idrici, dovuti al fenomeno di trasferimento di molte famiglie nell’hinterland.

Link all’acquedotto dell Metropolitana Milanese – Video della visita